Fuori i nomi della terza edizione di JAZZ IS DEAD! il festival dedicato alle sonorità sperimentali avant jazz, free, strumentali e post minimaliste. 

24.25.26 MAGGIO 2019 

 

Line up

The Necks, The Winstons, Thurston Moore & Jooklo Duo, Lino Capra Vaccina, Evan Parker & Setoladimaiale Unit, Colin Stetson, Al Doum & The Faryds, Tomaga, Ariel Kalma, Indianizer, Antonio Raia & Renato Fiorito, Paolo Spaccamonti, Grams, Degani – Palumbo Duo,  Luca Lozano, The Maghreban, Emiliano Comollo, Space Off, Seven Sins, Vosje, Ramona Ponzini, Dj’mbo from Gambia – live visual by Cikita Zeta

JAZZ IS DEAD! Porta a Torino i maggiori esponenti della scena impro-noise contemporanea, l’avanguardia del movimento strumentista e le nuove stelle della etno-psichedelia improvvisata.

Il festival, prodotto da Arci Torino e completamente gratuito, è dedicato alle contaminazioni e alle sperimentazioni.

 

Ecco alcuni nomi che non aspettano altro che farvi aprire mente e cuore:

 

Evan Parker, inconfondibile sassofonista britannico, si esibirà con l’unità elettro-acustica Setoladimaiale

 

Il power-trio The Winstons. Basso, batteria e tastiera suonati da elementi provenienti da Calibro 35, Afterhours e Pj Harvey

 

Antonio Raia giovane sassofonista e improvvisatore napoletano al primo pazzesco album Asylum

 

Thurston Moore, voce, chitarra e anima dei Sonic Youth

 

Il dj set di Luca Lozano, tra i massimi esponenti dell’elettronica più ricercata

 

The Maghreban, produttore inglese, a cavallo tra beat, house e influenze etno-jazz.

 

La performance nippo-noise, per giradischi e voce, di Ramona Ponzini

… … …

Il programma è davvero ricco e, l’ho già detto?!!!, tutto gratis

Location confermata! L’Ex Cimitero di San Pietro in Vincoli, uno spazio che unisce suggestione, bellezza e funzionalità.

“Il Cimitero di San Pietro in Vincoli è rimasto attivo per meno di un secolo: dall’apertura alla fine del ‘700 fino alla costruzione del Cimitero Monumentale nel 1829. Successivamente divenne il cimitero dei giustiziati fino al 1854 e poi fu definitivamente chiuso nel 1882. Nel 1988, San Pietro in Vincoli conosce una nuova vita, diventando uno spazio di cultura, musica e teatro dopo una profonda ristrutturazione.”

Il festival è un invito a esplorare nuovi percorsi musicali. A sondare quelle basse frequenze capaci di creare una ipnotica trance collettiva.

Ti chiede di partecipare per scoprire e scoprirti; la musica è libertà e qui la libertà è soprattutto di approccio. Nuove visioni, nuovi sentimenti, un richiamo lontano, quello che spinge i musicisti (e gli artisti in generale) a collaborare per creare generi e gusti distanti tra loro, per fare innovazione.

 

JAZZ IS DEAD! Lunga vita al jazz!

www.jazzisdeadfestival.it 

 

Pummarola